La pandemia in corso ha messo in luce che un modello economico basato sul profitto, sull’avidità e sull’estrattivismo, sta accelerando la distruzione ecologica del pianeta. La produzione e l’uso dei pesticidi è un pilastro di questo sistema.

Da 3 anni, una manifestazione popolare, la Marcia Stop Pesticidi, pone questo problema scendendo in piazza e manifestando nelle domeniche di maggio.  Da 3 anni, un movimento popolare si sta diffondendo, coordinandosi con altre realtà europee per denunciare e reagire a questo modello economico e alimentare: insostenibile e avvelenato.

Sosteniamo questo movimento, partecipando alle iniziative che verranno proposte in occasione della GIORNATA STOP PESTICIDI di domenica 24 maggio 2020.