Proclamata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ed istituita il 21 marzo 2013, la Giornata Internazionale delle Foreste ha l’obiettivo di accrescere la consapevolezza verso l’importanza che il patrimonio arboreo ha per la sopravvivenza di tutto il nostro Pianeta.

Le foreste rappresentano il più importante serbatoio di biodiversità, infatti, garantiscono la protezione del suolo, la qualità dell’aria e delle acque, fornendo importanti beni e servizi per il genere umano. È evidente che la sopravvivenza dell’essere umano sia legata a quella delle foreste e senza considerare il ruolo importante che rivestono gli alberi nel nostro pianeta, noi continuiamo ad abbatterli. Secondo diversi studi e dati raccolti da esperti, la deforestazione prosegue a un ritmo allarmante, ogni anno vengono distrutti 13 mila ettari di foresta. Il disboscamento produce tra i 12 e il 20 per cento delle emissioni globali di gas serra contribuendo in materia determinante al riscaldamento globale.
Ogni anno, vari eventi celebrano e sensibilizzano l’opinione pubblica in merito all'importanza della salvaguardia delle di foreste e degli alberi, a beneficio delle generazioni attuali e future.
Tema della ricorrenza 2018 “Foreste e città sostenibili”.
Nelle città vivono più persone che in ogni altra epoca della storia. Entro il 2050, 6 miliardi di persone o almeno il 70% della popolazione globale vivranno nelle città. Ma un’urbanizzazione senza precedenti non necessariamente significa cementificazione selvaggia e inquinamento. Gli alberi e le foreste urbane rendono le città luoghi più puliti, più verdi e più salutari. Rappresentano un condizionatore naturale e raffreddano l’aria, filtrano gli inquinanti nocivi dall’aria e aiutano a mitigare i cambiamenti climatici. Per celebrare la giornata sono previste diverse iniziative, le attività includono la piantumazione di alberi, manifestazioni, conferenze, mostre fotografiche e proiezioni, con un unico filo conduttore, la tutela delle foreste.

A.I.

Fonte: www.fao.org; www.un.org

"La cultura [... ] è organizzazione, disciplina del proprio io interiore; è presa di possesso della propria personalità, e conquista di coscienza superiore, per la quale si riesce a comprendere il proprio valore storico, la propria funzione nella vita, i propri diritti, i propri doveri."
(Antonio Gramsci da Socialismo e cultura, Il Grido del popolo, 29 gennaio 1916)

FAI UNA DONAZIONE

Con una donazione, anche piccola, sostieni economicamente e politicamente l'esistenza e l'indipendenza del Centro che è fondato sul volontariato e non ha alcun scopo di lucro. Puoi fare una donazione con una Carta o con Paypal.