Sezione: Cinema
Editore: General Video
Biblioteca: DVD
Anno: 1979
Note: Film - URSS 1979, 165', col. DVD

Visite: 133

Modulo richiesta prestito

Recensione

Stalker
Regia di Andrej Tarkovskij (Unione Sovietica, 1979, 165’, colore) Soggetto: tratto dal racconto Picnic sul ciglio della strada, di Arcadij e Boris Strugackij
Sceneggiatura: Arcadij e Boris Strugackij, Andrej Tarkovskij
Scenografia: Andrej Tarkovskij
Fotografia: Aleksandr Knjazinskij
Musiche: Eduard Artemev
Interpreti: Aleksandr Kajdanovskij, Anatolij Solonicyn, Nicolaj Grinko

LA STORIA
In quello che pare essere un futuro non troppo lontano della civiltà umana, tre uomini, che rispondono rispettivamente agli pseudonimi di
Scrittore, Professore e Stalker, partono insieme per un viaggio. La destinazione è la Zona. Non si sa precisamente che cosa sia la Zona; potrebbe essere stata creata dalla caduta di un meteorite, ed è uno spazio da tempo inaccessibile alla gran parte degli uomini, poiché le autorità vietano tassativamente l’accesso ad essa. Solo gli Stalker (il nome deriva dal verbo inglese to stalk, muoversi furtivamente) conoscono il modo di eludere i posti di blocco, e sono in grado di accompagnare altre persone nella Zona. All’interno della Zona si trova una Stanza, in cui ogni uomo, qualora riesca ad accedervi, può vedere realizzato il suo desiderio più puro, più intimo e sincero. In altre parole, può trovare la Felicità.


In Stalker, forse, per la prima volta ho avvertito l'esigenza di essere univocamente chiaro nell'indicazione di quel valore positivo fondamentale di cui, come si suol dire, vive l'uomo.
(dal libro di
Andrej Tarkovskij: Scolpire il tempo. Milano, UBULibri, 1988)

Stalker è un film che colpisce per la presenza fisica degli elementi, la loro testarda esistenza, il loro modo di esser lì […] Stalker è una favola metafisica, una lezione di moralità, una lezione di fede, una riflessione sui fini ultimi, una ricerca, tutto ciò che vogliamo.
Serge Daney

Come accade con i poeti e Tarkovskij fa un cinema di poesia, la filosofia di Stalker passa attraverso l'emozione delle sue immagini.

- Il Morandini