Un movimento di resistenza per il pianeta - intervista con John Bellamy Foster

  Un'intervista di Juan Cruz Ferre a John Bellamy Foster, pubblicata su Left Voice nel luglio del 2017.
Dal sito www.ponsinmor.info - La traduzione è di Dante Lepore.

Il cambiamento climatico è fuori controllo. È già troppo tardi per evitare le alte temperature, la scarsità d'acqua e le condizioni climatiche estreme. Ma la struttura finanziaria del capitalismo è legata ai combustibili fossili. Le soluzioni basate sul mercato sono inefficaci.

John Bellamy Foster è direttore di Monthly Review e professore di sociologia all'Università dell'Oregon. Ha pubblicato testi di economia politica e sociologia ambientale.

Juan Cruz Ferre (JCF): C'è una schiacciante evidenza che dimostra come il clima antropico è fuori controllo e porterà alla catastrofe ambientale globale – senza un radicale miglioramento della produzione di energia. Nel numero di febbraio 2017 della Monthly Review, vi segnalo che, sebbene ci sia stata presentata con valutazioni precise e indiscutibili, la scienza e le istituzioni di scienze sociali non sono riuscite a venire con soluzioni efficaci. Perché pensi che questo è il caso?

John Bellamy Foster (JBF): Siamo in una situazione di emergenza nell' epoca Antropocene in cui la rottura del sistema terra, particolarmente il clima, sta minacciando il pianeta come luogo di abitazione umana. E tuttavia, il nostro sistema politico-economico, il capitalismo, è orientato principalmente all'accumulo di capitale, che ci impedisce di affrontare questa enorme sfida e accelera la distruzione. Gli scienziati naturalisti hanno fatto un lavoro eccellente e coraggioso nel lanciare l'allarme sui pericoli enormi della continuazione di affari come al solito per quanto riguarda le emissioni di carbonio e altri limiti del pianeta. Ma il mainstream delle scienze sociali come esiste oggi ha interiorizzato quasi completamente l’ideologia capitalista; tanto che gli scienziati sociali convenzionali sono completamente incapaci di affrontare il problema alla scala e nei termini storici che sono necessari. Sono abituati alla visione che la società molto tempo fa "conquistò" la natura e che la scienza sociale pdf riguarda solo persone – relazioni personali, mai persone-natura. Questo alimenta un negazionismo ove si tratti di problemi del sistema-scala della Terra. Quei principali scienziati sociali che affrontano questioni ambientali più spesso di quanto non fanno come se avessimo a che fare con condizioni abbastanza normali e non con un'emergenza planetaria, non una situazione non-analoga. Non ci può essere nessuna risposta gradualista, eco-modernista ai tremendi problemi ecologici che affrontiamo, perché quando si esamina l'effetto umano sul pianeta non c'è niente di graduale su di esso; è una grande accelerazione e una spaccatura nel sistema terra. Il problema sta aumentando in modo esponenziale, mentre il peggioramento è anche più veloce di ciò che vorrei suggerire, perché siamo in procinto di attraversare tutti i tipi di soglie critiche e di fronte a un numero sconcertante di punti critici.

Lettura completa dell'articolo  >SCARICA IL PDF

Tags: Politica

Stampa Email