Consumo di suolo e progetto infrastrutture. Il caso della Pedemontana veneta

 Pubblichiamo un'importante documento di ricerca sulla Pedemontana veneta presentato a Milano il 27 novembre al Convegno: “Consumo di suolo, servizi ecosistemici e green infrastructures: caratteri territoriali, approcci disciplinari e progetti innovativi ”, organizzato dal CRCS (Centro di Ricerca sui Consumi di Suolo).
Il CRCS è una associazione (operativa dal 2009) per la promozione di studi sulle trasformazioni del suolo, fondata da: Dipartimento di Architettura e Studi Urbani (DAStU) del Politecnico di Milano, Istituto Nazionale di Urbanistica (INU) e Legambiente.


Consumo di suolo e progetto infrastrutture. Il caso della Pedemontana veneta è una ricerca di Stefano Salata (Polotecnico di Torino-CRSC) e Oscar Borsato (INU Veneto).

Il pdf della ricerca presentata è di 16 pagine e può essere consultato e scaricato cliccando qui.

Qui sotto, l'estratto di pag. 3



La Regione del Veneto è prima per incremento percentuale: con 1.134 ettari consumati in un anno e una percentuale di incremento pari allo 0,50%, la regione è la più colpita dalla cementificazione e impermeabilizzazione del territorio.
Doppiata la media nazionale, che si ferma a un incremento dello 0,23%. Un quinto degli ettari consumati in tutta Italia (5.211) nei dodici mesi si concentra infatti in Veneto, che stacca di netto la seconda regione, la Lombardia con 603 ettari consumati, e anche in termini di incremento marginale stacca le altre realtà italiane – il Trentino-Alto Adige è al secondo posto con +0,40%.

--------------

CRCS

Il CRCS svolge attività di promozione, supporto e divulgazione della ricerca scientifica, avente per oggetto l’uso del suolo e le sue trasformazioni, l’assetto del territorio, le politiche per il governo sostenibile delle risorse naturali e culturali del territorio e della sua organizzazione insediativa e infrastrutturale.

Il CRCS intende:

  • definire il consumo, in termini di caratteri, morfologie territoriali e determinanti;
  • accrescere la consapevolezza pubblica mediante momenti di formazione, informazione e comunicazione;
  • stimolare la formazione di politiche e programmi per il contenimento dei consumi, anche in collaborazione con enti territoriali competenti;
  • studiare gli effetti ambientali e ampliare l’attività di monitoraggio quantitativo;
  • raccogliere i dati per la definizione di metodologie di analisi e per la quantificazione del consumo di suolo.

I risultati del CRCS vengono racconti annualmente in un Rapporto di ricerca nazionale

Tags: Urbanizzazione

Stampa Email